19 Ottobre 2018

Hashtag, questo s-conosciuto. Come utilizzarli in maniera efficace su LinkedIn

CARLO BOZZO

Immagine dell'articolo: <span>Hashtag, questo s-conosciuto. Come utilizzarli in maniera efficace su LinkedIn</span>

Abstract

Spesso mi chiedo quanto siano utili gli hashtag su LinkedIn, quanto siano utili ad intercettare nuovi informazioni, possibili clienti, argomenti da presidiare e soprattutto come possono essere d’aiuto a posizionarsi.

* * *

Partiamo dal significato della parola hashtag, è composto di: hash (key) ‘cancelletto’ e tagetichetta’. Il simbolo del cancelletto (#) associato a una o più parole chiave si utilizza per facilitare le ricerche tematiche in un blog o in un social network”.

Il tutto è nato da Twitter al fine di aumentarne l’engagement del Tweet. Pubblicando un messaggio, con uno o due hashtag mirati, si aumentano drasticamente le interazioni col post, in quanto quel social network vi dà la possibilità di dare una categoria ben definita.

In seguito il proliferare dei Tag ha raggiunto anche gli altri social network quali Facebook, Instagram, Google+ e LinkedIn.

Tutti ne abbiamo appreso l’utilità, dando il via alla moda del momento per inventarsi gli hashtag più assurdi per comunicare in modo più cool con gli amici, ma da quello che si vede in rete nelle varie piattaforme, spesso e volentieri non vengono utilizzati correttamente.

Partiamo da un esempio pratico.

Se pubblichi su Instagram la foto di un bel piatto di pasta, per promuoverne la ricetta del tuo ristorante, utilizzerai degli hashtag inerenti al settore del food, andando magari a inserire come tag anche alcuni degli ingredienti e la città dove hai il tuo ristorante.

Questo per far si che gli amanti della pasta, e del cibo in generale, possano visualizzare post a seguito della loro ricerca mirata.

Su LinkedIn, l’utilizzo degli hashtag è leggermente diverso, ovvero, se su Facebook, Instagram o Twitter, vi basterà cliccare sul tag di riferimento per trovare tutti i post correlati, su LinkedIn dovrete inserirlo nel campo ricerche o diventano cliccabile sono dalla versione desktop della piattaforma. Così facendo il motore di ricerca vi troverà tutti i post, o profili correlati ai vostri tag di ricerca e vi darà la possibilità di capire se il tag che avete scelto si posiziona in un argomento topic, quali sono i vostri concorrenti o chi ha già scritto dei contenuti in merito.

Novità di LinkedIn

La piattaforma per i professionisti sta crescendo in maniera esponenziale, ogni giorno viene implementato qualcosa di nuovo, che per certi versi si allinea alle altre piattaforma, per certi altri invece diventa una benzina sul fuoco per le opportunità che si possono generare, sia per far crescere il tuo network, sia per il business.

Segui nuovi hashtag e controlla cosa stai già seguendo

Nella home di Linkedin, a sinistra del tuo feed, trovi la sezione “Your Communities”, qui puoi cercare hashtag specifici da seguire e tenere sott’occhio quelli che stai già monitorando. Per aggiungere nuovi argomenti al tuo elenco basta cliccare sull’icona a forma di matita.

Puoi anche scegliere tre hashtag da tenere in evidenza nel box, basta selezionare l’icona a forma di puntina che vedi accanto alla singola voce. Nella casella in home ne vedrai comunque solo 3, ma espandendola vedrai comunque per primi tutti i temi che hai ritenuto più importanti.

Selezionando ogni hashtag possiamo vedere facilmente tutti i post in cui è stato utilizzato, scoprendo nuovi possibili contatti o conversazioni particolarmente utili. D’altra parte usandolo possiamo essere visti da persone che, al momento, non fanno parte della nostra rete (sempre se il nostro post ha privacy pubblica).

Se vuoi puoi navigare anche nella sezione “Discover More” per scoprire quali sono gli argomenti che LinkedIn ti suggerisce. Qui puoi verificare anche quante persone seguono un determinato hashtag, quelli che hanno un maggior seguito potrebbero essere interessanti anche per te, clicca “+” e inizia a monitorarli e usarli.

Come usare LinkedIn per trovare clienti?

Il modo migliore è quello di partecipare alle discussioni, condividere aggiornamenti o notizie utili e, prima di pubblicare qualcosa, porsi sempre una domanda: ciò che sto per scrivere è davvero utile per chi lo leggerà? È un’esperienza che gli altri apprezzeranno di conoscere?

È molto difficile che su LinkedIn non ci siano gruppi legati al proprio ambito professionale: se così fosse però puoi crearne uno tutto tuo, cercando persone e nuovi contatti da invitare, che reputi vicini alla tua professione o ambito aziendale.

In bocca a lupo e mi raccomando non inventatevi ‘etichette’ strane, tipo #questohashtagnonserveaniente.

Altri Talks